Stampa questa pagina

incendia rifiuti a Giugliano ma ci sono le telecamere, arrestato

Un uomo di 55 anni, indiziato di aver appiccato un incendio in una area adibita a discarica alla periferia di Giugliano (Napoli) è stato fermato dalla polizia. Gli agenti del locale commissariato, diretti dal primo dirigente Pasquale Trocino, da tempo hanno intensificato i controlli per contrastare il fenomeno dei roghi tossici nella vasta area del Giuglianese. I rifiuti erano stati incendiati nella area di via Santa Caterina da Siena, alla periferia di Giugliano. Un'area che era già sottoposta a sequestro da parte degli agenti del locale commissariato. All'individuazione dell'uomo gli investigatori sono giunti anche grazie al sistema di videosorveglianza che era stato installato in zona. Al vaglio degli agenti sono finiti quattro incendi appiccati nello scorso mese di aprile sempre con le stesse modalità, mettendo a rischio la salute dei cittadini. L'uomo accusato di combustione illecita e violazione di sigilli è stato arrestato (con il beneficio dei domiciliari) in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip su richiesta della Procura della Repubblica di Napoli Nord. Alle indagini della polizia hanno collaborato gli uomini del Corpo forestale dello Stato